Chi si distingue come miglior candidato per il presidente degli Stati Uniti?

Sulla scia della disastrosa ed estremamente dannosa amministrazione e performance di Trump, il prossimo presidente deve essere una persona speciale. Deve essere giovane, vivace, ben educato, capace e in forma. Ciò esclude tutti quei 70 anni e più. Mentre alcuni potrebbero pensare che qualcuno in quella categoria abbia quello che serve, allora devono ripensarci. I leader che fanno la differenza ora sono ben al di sotto di quell’età.

Il mondo è un posto molto diverso da quello in cui sono cresciuti gli anziani. Sta rapidamente cambiando e affrontando molteplici problemi che solo i giovani possono affrontare. Sono comunicatori migliori di cambiamenti climatici, tecnologia e soprattutto del movimento LGBTQ.

Che piaccia o meno alle generazioni più anziane, siamo in un momento in cui la sessualità e le preferenze delle persone contano. Molti paesi stanno adottando la tendenza ad accettare il matrimonio tra persone dello stesso sesso e altre cose ad esso correlate. Non abbiamo più la scelta di abbandonare e ridicolizzare le persone per quello che sono o vogliono essere.

È estremamente triste conoscere la sofferenza, mentale e non, che le persone attraversano perché sono nate diverse da ciò che le società religiose si aspettano. Il suicidio e l’omicidio hanno visto molti lasciare questo mondo lontano dai giovani. Altri fanno fatica a nascondere chi sono.

Non è dunque il momento, per chi capisce la difficile situazione di queste persone di prendere le redini? Non è anche il momento per qualcuno che ha combattuto in una guerra e che capisce quale vera sofferenza sta per avere una possibilità? Non è tempo di tornare da una persona che vuole aiutare a ridurre i cambiamenti climatici e riportare gli Stati Uniti al loro posto precedente nel mondo?

In questo momento, molti in altri paesi lo considerano uno scherzo. Oltre a ciò, vedono anche quanto è un flop in relazione con gli alleati occidentali e quelli che deve supportare. Nei giorni scorsi si distingue il caso dei curdi e il loro abbandono al genocidio da parte della Turchia.

C’è una persona tra i democratici che soddisfa tutti i criteri necessari per riportare il paese dove era una volta. L’uomo è uno studioso di Rodi, un laureato ad Harvard, e uno che sa cosa fare del cambiamento climatico e dei bisogni sociali delle persone. È anche gay e ha una relazione omosessuale. Ora è necessario che l’elettorato si svegli e guardi chi e cosa è per un futuro migliore per gli Stati Uniti e il mondo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*